Orgasmo Femminile-Come fare in modo che una ragazza raggiunga l’orgasmo

Scritto da Suggerimenti

Orgasmo Femminile

Hai mai sentito qualcuno dire che è più difficile raggiungere l’orgasmo femminile rispetto a quello maschile? Da sempre si parla di questo dilemma.

Di fatto, tutte le persone e tutte le coppie hanno dubbi a riguardo, specialmente per quanto riguarda le persone che vogliono far godere il proprio partner o “compagno”, nel caso ci si sia conosciuti attraverso siti di incontri. Ma quanto è difficile fare in modo che una ragazza raggiunga il massimo del piacere? Bene, non devi provare timore, dato che in realtà la maggior parte delle volte la colpa è della mancanza di informazioni da parte delle coppie; se sei disposto a metterti in gioco per capire il tuo partner, riuscirai ad ottenere ciò che vuoi.

Che cos’è e come riconoscere l’orgasmo femminile?

Per cominciare, dobbiamo prima definire quello che è l’orgasmo femminile e come poterlo riconoscere. 

Possiamo dire che l’orgasmo femminile, proprio come quello maschile, è il risultato massimo dell’eccitazione sessuale, che si verifica in uomini e donne dopo un certo tipo di stimolazione; l’orgasmo inoltre, può generare varie reazioni psicologiche e fisiologiche nell’organismo.

 Questa è una sorta di spiegazione scientifica, ma noi conosciamo l’orgasmo come il climax della soddisfazione, dopo una qualsiasi attività sessuale, in cui la donna si sente in uno stato alterato, di euforia e piacere.

Durante questo stato alterato, tipico dell’orgasmo femminile, una donna ha i propri sensi amplificati, al punto in cui il minimo tocco può darle ancora più piacere, e questo è solo una delle varie reazioni psicologiche e fisiologiche che si verificano durante l’orgasmo.

Una volta ho conosciuto una donna tramite siti di incontri per adulti a Bologna, che sembrava trasformarsi durante questi episodi. 

Che succede durante l’orgasmo femminile?

Sicuramente ti chiederai: com’è un orgasmo femminile? Bene, come dicevo, questo climax variabile di eccitazione sessuale che chiamiamo orgasmo può scatenare una serie di reazioni, sia psicologiche che fisiologiche, e tra i fenomeni più comuni possiamo evidenziare:

  • Iperventilazione o un incremento della respirazione della donna
  • Contrazioni muscolari involontarie in diverse parti del corpo, principalmente nella vagina e nell’utero 
  • Incremento della circolazione sanguigna
  • Brividi sulla pelle
  • Incremento della temperatura corporea
  • La pelle può prendere un tono rosa, arrossendo principalmente su viso e seno. 
  • Una stanchezza improvvisa, mista a una sensazione di soddisfazione
  • Lubrificazione della vagina

Questi sono i cambiamenti o le reazioni più comuni che una donna può provare durante l’orgasmo

Certo, ci sono anche alcune reazioni meno diffuse e di solito più estreme: un caso di questo tipo è “Le Petit Mort” o “La piccola morte”, che è un breve periodo di incoscienza che si verifica durante un orgasmo e che non dura molto. Ciò può accadere anche più di una volta durante lo stesso orgasmo in periodi estremamente brevi. Un altro esempio non molto comune che si vede spesso nei film per adulti, è il cosiddetto “squirtingo “eiaculazione femminile”, una fortissima eiaculazione delle donne al culmine del piacere. Questa risposta fisiologica non viene provata da tutte le donne, poiché richiede una stimolazione sessuale piuttosto specifica, che nella maggior parte dei casi non dipende dalla penetrazione.

È possibile riconoscere l’orgasmo femminile?

Una delle più grandi paure che gli uomini hanno quando si tratta di rapporti e relazioni, soprattutto quando ci si preoccupa del piacere del partner, sono gli orgasmi finti. È risaputo che molte donne fingono il proprio orgasmo per svariate ragioni, ma, detto ciò, è possibile riconoscere se il proprio partner sta fingendo o ha un vero e proprio orgasmo? La risposta è sì.

Per questo, è solo necessario conoscere bene il proprio partner e le sue normali reazioni, e a partire da lì, fare attenzione ai piccoli dettagli, che è la base da cui partire per poter capire se il proprio partner sia arrivato alla fine o no. Tra questi dettagli ci sono le contrazioni muscolari della vagina e dell’utero; possiamo anche parlare di piccoli spasmi nella regione pelvica, nelle gambe o in qualsiasi parte del corpo in generale. Presta attenzione ai cambiamenti nella respirazione, se noti che inizia a respirare più velocemente o ad arrossire intensamente, probabilmente la tua compagna sta avendo un orgasmo. Per quanto riguarda la secrezione di fluidi vaginali, non preoccuparti, queste non sono sempre reazioni comuni dell’orgasmo, quindi se vedi che non si bagna molto, non significa che non abbia avuto un orgasmo.

Tipi di orgasmi femminili, qual è il tuo?

Sapendo cos’è un orgasmo femminile e sapendo come riconoscerlo, dobbiamo parlare di una questione importante: non esiste un solo tipo di orgasmo. Ci sono molti dibattiti su quest’argomento: molti sono quelli che affermano l’esistenza di un solo tipo di orgasmo, che nasce da diversi tipi di stimolazioni e che da reazioni diverse. Da parte nostra, ti diremo se ci esistono o no tipi di orgasmi femminili, se ci sono modi per classificarli. In base al tipo di stimolazione che hai provocato al tuo partner, può essere che provi o l’uno o l’altro, e quindi possiamo parlare di:

» Orgasmo clitorideo

Forse il più importante e comune, si raggiunge attraverso la stimolazione del clitoride.

Il clitoride è un organo la cui unica funzione è quella di far provare piacere sessuale alle donne e, per questo motivo, è ricco di migliaia di terminazioni nervose che puoi stimolare, per farla godere. Le donne praticano spesso autoerotismo e raggiungono l’orgasmo attraverso il clitoride, e gli uomini possono anche dar piacere attraverso questa parte, che è così importante per la stimolazione sessuale delle donne. Se vuoi farle raggiungere l’orgasmo senza grandi difficoltà, inizia stimolando questo “piccolo amico”.

» Orgasmo vaginale

Questo è quello che molti uomini ritengono vitale per soddisfare sessualmente il proprio partner. Stiamo parlando di quello che si verifica durante la penetrazione. La cosa strana di tutto questo è che si stima che solo il 30% delle donne riesca a raggiungere l’orgasmo di questo tipo, e ciò dipende da diverse situazioni, ma ciò che conta qui è che non dovresti aggrapparti alla convinzione che, se la tua donna non lo raggiunge, c’è qualcosa che non va.

» Orgasmo misto

Sicuramente il nome ti fa capire già tante cose, ma per essere chiari, questo è il prodotto dell’insieme dei due tipi di orgasmi sopra menzionati, quello clitorideo e quello vaginale. È uno dei più intensi che una donna possa mai provare, nonché il modo migliore per portarla verso il climax del piacere.

» Multiorgasmo

Il famoso “multiorgasmo” o orgasmo multiplo, è proprio quel “mito” di cui hai sentito parlare, non è una leggenda urbana, ma un fatto reale: la donna può avere più orgasmi consecutivi. Non è così comune, visto che come saprai, è costituito da quello che si verifica subito dopo il primo orgasmo e, se per molte donne oggi avere un orgasmo è più come un avere “obiettivo“, averne più di uno può sembrare apparire come un sogno. Tuttavia, non è impossibile, in quanto si tratta solo di intensificare il piacere, devi solo cercare di fare impazzire (letteralmente …) la donna e cambiare immediatamente il punto di eccitazione dopo averle regalato il primo orgasmo, quando il suo corpo inizia ad essere in uno stato molto più sensibile e agli stimoli. A volte il multiorgasmo si presenta come un’espansione del primo orgasmo verso altre zone del corpo.

Clicca qui se vuoi sapere come far eccitare una donna

» Orgasmo involontario

In generale, questo tipo si verifica per motivi specifici e riguarda lo stato psicologico in cui la donna si sente minacciata o costretta ad arrivare all’orgasmo. Di solito si verifica durante uno stupro o in una relazione violenta, quando la donna è costretta a raggiungerlo attraverso pratiche sessuali abusive. A differenza degli altri, questo tipo di orgasmo forzato, per chiamarlo in qualche modo, di solito lascia un trauma nella donna, che in casi molto gravi può portare alla cosiddetta “disfunzione sessuale femminile“.

Il segreto per raggiungere l’orgasmo femminile: prendi nota!

Sicuramente ti starai domandando: come si raggiunge l’orgasmo femminile? Bene, proprio per questo motivo, ti sveleremo alcuni segreti in modo che tu possa raggiungerlo, ma prima di iniziare, ti ricordiamo velocemente che raggiungere l’orgasmo femminile è sia compito tuo sia del tuo partner, poiché il rapporto sessuale è di entrambi, a meno che non si tratti di masturbazione, ma quella è un’altra storia.

1. Esplora il tuo corpo

Il primo consiglio è per le donne ed è molto importante se vuoi raggiungere l’orgasmo femminile. Se sei una donna, devi conoscere te stessa, questo è il primo passo per una vita sessuale soddisfacente e piacevole. Di solito c’è un grande tabù dietro quella che è la masturbazione femminile, quando in realtà, è necessario che la donna sappia come praticare autoerotismo, per conoscere e sapere ciò che la fa eccitare, il che è fondamentale per il raggiungimento dell’orgasmo. 

Se tu come donna non sai cosa ti fa eccitare, come ti aspetti che lo sappia il tuo partner? 

Detto ciò, il fatto che una donna impari a conoscere se stessa e a esplorare la sua sessualità, aggiungendo una corretta comunicazione col partner, sono tutti fattori fondamentali per raggiungere il fine dell’orgasmo. Dopotutto, devi ricordare che ogni persona è diversa e che ogni donna può essere stimolata da cose diverse: non tutte le donne sono uguali. Imparate a conoscervi e parlate in coppia di ciò che vi piace e di ciò che non vi piace fare…

2. Durante il sesso, non concentrarti solo sulla penetrazione

Amico, la penetrazione non è vitale per aiutare la donna a farle raggiungere l’orgasmo femminile, ma di questo abbiamo già parlato sopra; la penetrazione può aiutare la tua ragazza, ma non concentrarti esclusivamente su questo aspetto. Questo è l’errore più diffuso tra gli uomini, pensare che la penetrazione sia il modo migliore per far raggiungere un orgasmo, ma questo è solo uno dei tanti errori, e ironicamente, non il più comune. È necessario dare importanza ai preliminari, usa le dita, la bocca, la lingua, le mani, esplora ogni parte del suo corpo..

Anche quando la stai penetrando, non solo concentrarti su di esso, cerca di stimolare altre parti del corpo, come il clitoride per esempio, che è un punto cruciale con cui puoi farle raggiungere l’orgasmo e la tecnica “a cucchiaio” è il modo migliore per stimolarlo durante la penetrazione.

3. Prova diverse posizioni sessuali

Siamo abituati alla posizione del cane o a quella del missionario, ma sono gli le uniche esistenti? Ovviamente no! Ci sono molte altre posizioni che puoi provare con il tuo partner durante i preliminari o la fase della penetrazione, che possono aiutarti a stimolare l’orgasmo. Prova diverse posizioni e trova quella che adatta al tuo partner, con la quale puoi toccare i “punti” giusti. Inoltre, come suggerimento, non cercare di forzare posizioni se tu e il tuo partner non vi trovate a vostro agio, poiché in questo modo non solo ti sentirai a scomodo a fare sesso, ma la posizione stessa sarà un limite e non sarai in grado di arrivare al culmine dell’eccitazione. Prova, sperimenta e, soprattutto, parla col tuo partner.

4. I sex toys non dovrebbero essere dei taboo

Pensare che i sex toys servano solo per la masturbazione è un errore enorme! Certo, ci sono centinaia di sex toys e modi in cui questi possono aiutarti a far arrivare la tua ragazza all’orgasmo… Esplora le possibilità che questi offrono e aumenta l’intensità dei tuoi rapporti a letto. I migliori giocattoli sessuali non devono necessariamente essere utilizzati solo per “sadomasochismo”. Inizia con le basi:

  • manette
  • dildo
  • vibratori e altri sex toys

Provali durante un rapporto, potresti rimanere piacevolmente sorpreso nel momento in cui scopri quanto questi siano efficaci, per far godere il tuo partner. Naturalmente, prima di acquistare un giocattolo del genere, ricordati di discuterne con lei, in modo che accetti di avere un “compagno di giochi” in più.

È vero che parlare dell’uso di questi giocattoli è molto più facile con il tuo partner stabile piuttosto che durante un incontro extraconiugale con qualcuno che hai appena incontrato.  

5. Lascia anche a lei il controllo

Le “posizioni del potere” sono quelle che danno un certo controllo durante l’atto sessuale a una persona o all’altra. Durante il sesso, è piuttosto comune pensare che gli uomini siano quelli che devono prendere il controllo.

Tuttavia, la realtà dei fatti è diversa: anche una donna può avere il controllo durante un rapporto sessuale, è solo necessario conoscere le posizioni correte. Un consiglio che ti do è quello di provare a dare il controllo alla tua partner, o a scambiarvi i ruoli man mano che andata avanti. 

In questo modo, lei potrà muoversi liberamente nel modo in cui le piace di più e sarà più facile quindi arrivare all’orgasmo. Ricorda che è lei che si conosce perfettamente, quindi sarà più facile avere un orgasmo, se è lei ad avere il comando. Inoltre, fidati, tu non proverai differenza alcuna, anzi, alcune di queste posizioni sono molto piacevoli.

Modello delle 4 fasi di Masters e Johnson: «Eccitazione-plateau-Orgasmo-Risoluzione»

Infine, e come fatto curioso e abbastanza interessante, parlerò in breve di questo interessante modello. All’inizio degli anni ’50, il ginecologo William Masters e la sessuologa Virginia Johnson hanno proposto un modello in 4 fasi che spiegherebbe l’orgasmo, inteso sia per uomini che per donne: questo modello li rese i più celebri tra gli esperti, per quanto riguarda tale tema. Questo modello in quattro fasi è costituito da:

  1. Eccitazione

L’eccitazione sessuale riguarda proprio tutte le persone, a prescindere da etnie, luoghi e culture, e non importa che tu sia una donna in cerca di un incontro per adulti a Roma o un uomo che abbia conosciuto una scopamica.

Ciò riguarda essenzialmente l’eccitazione iniziale stimolata dal desiderio sessuale e da uno stimolo sensoriale, ovviamente questo varia da persona a persona, e anche in base al sesso, ma chiaramente non c’è una regola fissa, poiché ogni individuo è diverso. Tra gli stimoli possiamo trovare:

  • carezze
  • visualizzare un corpo nudo che consideriamo attraente
  • una parola sussurrata all’orecchio
  • In generale, qualsiasi azione che generi eccitazione

2) Plateau

Il plateau è la fase successiva dell’eccitazione, durante questa fase le reazioni che si verificano durante l’eccitazione (come l’erezione del pene e la dilatazione e la lubrificazione della vagina) si intensificano e si verificano nuove reazioni fisiologiche, come l’aumento del ritmo di respirazione e della frequenza cardiaca. È durante questa fase che si ha il rapporto sessuale.

3) Orgasmo

È la terza fase e precisamente tratta di ciò di cui abbiamo parlato per tutto l’articolo. Se arrivi all’orgasmo, allora puoi definire come soddisfacente il tuo rapporto. Ti ricordiamo che non sempre è così, e non è qualcosa che accade esclusivamente alle donne, poiché anche alcuni uomini possono soffrire di problemi che impediscono il raggiungimento dell’orgasmo.

4) Risoluzione

La risoluzione è la fase finale descritta da “Masters e Johnson”, ed è semplicemente il momento di calma, quando lo stato alterato che sentivamo durante il sesso ritorna normale. Di solito è accompagnato da un appagamento psicologico, se c’è stato l’orgasmo durante il rapporto.

Conclusione

Queste 4 fasi rappresentano il processo sessuale degli esseri umani e sebbene siano generalmente svolte per tutti durante il sesso, ciò che accade in ciascuna fase è diverso in base alla persona, e raggiunge l’orgasmo dipende dal tipo di stimolazione: anche il processo di risoluzione può cambiare per ciascuno a seconda delle situazioni. Ora sai che cos’è l’orgasmo femminile e come raggiungerlo.

Sei pronto a farlo ottenere alla tua ragazza la prossima volta che farete sesso?

Non hai un partner e non sai dove trovare una pagina che spieghi facilmente come conquistare una ragazza?

Ma se ci sei già dentro!

Condividere è amare!

Riassunto
Orgasmo Femminile-Come fare in modo che una ragazza raggiunga l'orgasmo
Titolo
Orgasmo Femminile-Come fare in modo che una ragazza raggiunga l'orgasmo
Descrizione
Hai mai sentito qualcuno dire che è più difficile raggiungere l'orgasmo femminile rispetto a quello maschile? Da sempre si parla di questo dilemma.
Autore
Copyright ©
Scopamici
Logo
shares